Altro ospite di prestigio in casa biancoscudata: mister Francesco Cipolla a lezione con atleti e tecnici

Dopo gli interventi made in Pesaro delle scorse settimane (Fulvio Colini, Paolo Del Grosso ed il portiere della Nazionale, Michele Miarelli), tocca ad un’altra società di massima serie a prestare il proprio know-how ad atleti e allenatori patavini: si tratta della Feldi Eboli, già ospite del Padova al Palasport di Camin lo scorso febbraio in virtù del rapporto di collaborazione esistente tra le due realtà, che ha permesso a mister Francesco Cipolla di istruire i biancoscudati analizzando a video una gara della sua squadra.
 
“L’altra sera ho avuto il piacere di condividere alcune idee partendo dall’esperienza vissuta nella partita contro la Sandro Abate che abbiamo giocato quest’anno ad Eboli, incontro caratterizzato da stili di gioco differenti e dunque ricco di parecchi spunti di riflessione”. Questa la premessa del trainer cosentino che poi parla anche dell’importanza della match analysis nel mondo del Futsal: “La ritengo un’attività fondamentale, è infatti una parte del lavoro che mi ha permesso di crescere e migliorare come allenatore. La curiosità è una chiave che apre tante porte, la disponibilità allo sharing completa il lavoro”.

 
Dal punto di vista del giocatore e della squadra invece? “Rivedere a video certe situazioni o movimenti aiuta tantissimo sia il singolo che il collettivo nel loro processo di miglioramento. La base del gioco, a mio avviso, resta la situazione reale, ma la scoperta di nuove sfaccettature e di altri punti di vista offre la possibilità di risolvere tante criticità. In sostanza più è profonda la conoscenza, più il ventaglio di opzioni che ho in mano sarà ampio. Bisognerà poi avere la capacità di scegliere quella maggiormente vantaggiosa”.
 

Inevitabile conclusione con un pensiero rivolto agli uditori di un incontro che ha tenuto sull’attenti giocatori e allenatori per quasi due ore: “Lo staff ed i ragazzi del Padova hanno mostrato un occhio competente ponendo quesiti dettagliati e palesando una buona conoscenza del gioco. È stato un vero piacere”.

Condividimi:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial