Le dipendenze tecnologiche: qualche anticipazione

Un breve approfondimento a cura della Dott.ssa Marta Cogo relativamente le tematiche che saranno trattate nell’incontro di lunedì a partire dalle 21.00 al Vertigo Sport Center. Partecipazione aperta a qualsiasi interessato.
Prenotazioni: 049/775207 – info@calciopadovac5.net
 
Ognuno di noi sa che il digitale, in ogni sua forma, sta entrando sempre di più nella nostra vita quotidiana cambiandoci radicalmente sia a livello pratico che relazionale. Quello di cui probabilmente non siamo pienamente consapevoli è di come esso sia in grado di modificare il nostro cervello e il suo stesso sviluppo
Il cervello è, a tutti gli effetti, un muscolo e come tale la sua crescita dipende da come e quanto lo alleniamo: gli esercizi ai quali lo sottoponiamo determinano la sua funzionalità oltre che le sue dimensioni. “Tenere in forma” il cervello significa attivare le sue fibre, ovvero le connessioni neuronali che fungono da libretto di istruzioni nel momento in cui dobbiamo svolgere un compito, più facciamo esercizio più abili diventeremo in quel compito. Questo tuttavia implica che le prime connessioni che formeremo siano anche tra le più utilizzate e quindi quelle a cui ci affezioneremo di maggiormente. La conseguenza è che debbano essere le più efficaci possibili in quanto il cambiamento è sempre più difficile da attuare che partire da zero. L’apprendimento delle competenze sociali dei nostri figli, oggi come oggi, passa anche attraverso il digitale ed è quindi di primaria importanza conoscere come esso funzioni e fornire di conseguenza un tipo di apprendimento “altro” che abbia a che fare con la realtà concreta, ovvero quella che non passa attraverso uno schermo. Se impariamo a metterci in relazione con gli altri solo attraverso le regole del digitale non saremo in grado di farlo nella vita reale, ma se impariamo a farlo prima di persona e poi attraverso la rete, avremmo molte più possibilità di saperle adattare alle relazioni online. 
Il mondo di internet, oltre ad avere una grande influenza sul nostro pensiero, memoria e attenzione, ha anche un fortissimo impatto sulle competenze sociali. La rete ci dà delle possibilità di interazione che prima non esistevano ma per gestirle nel migliore dei modi dobbiamo aver già sviluppato delle competenze sociali solide e salutari nella vita reale.
 
Se questo avvenisse potremmo arginare, o anche evitare, fenomeni di cyberbullismo che sono ormai pane quotidiano all’interno delle scuole e non solo. Per cyberbullismo si intende tutti quei fenomeni di prevaricazione nei confronti di un ragazzo che hanno L’esplicito obiettivo di nuocere alla sua serenità intaccando, in particolare, la sua reputazione e che avvengono attraverso la rete. Rispetto al bullismo, la velocità di trasmissione delle informazioni e la facilità di accesso ad esse, rende questo fenomeno molto più complesso e compromettente per i nostri figli. È dunque necessario conoscere il fenomeno e come poterlo impedire o affrontare. Un altro pericolo della rete è la possibilità di sviluppare una dipendenza dalla stessa, disturbo che ha tutte le caratteristiche di una vera e propria dipendenza da sostanza: incapacità di interrompere l’azione spontaneamente, sintomi di astinenza in mancanza di internet, tolleranza e ricerca ossessiva della rete e dei suoi contenuti. Esistono varie forme di dipendenza ma tutte hanno come base comune il bisogno di colmare una mancanza, di affrontare una difficoltà, o semplicemente di trovare una fuga da una situazione apparentemente senza soluzione. Così come una dipendenza da sostanza, anche la dipendenza da internet ha un impatto sociale importante, minacciando spesso la sfera affettiva, lavorativa-economica e soprattutto sociale. Merita quindi di essere presa in considerazione e affrontata sia con strategie quotidiane sia con un aiuto esterno.
 
Il digitale è uno strumento molto potente che in molte aree della nostra vita ha portato grandissimi benefici e progressi ma come tutte le armi potenti, se non lo si sa gestire può diventare anche pericoloso ed invalidante.La formazione di lunedì è dedicata a tutti coloro che vogliono approfondire questi aspetti, conoscere quali possibilità abbiamo per impedire che i nostri figli cadano nella “rete” dei pericoli di internet e scambiarci le opinioni su come educare ad una socialità sana.
Condividimi:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial