This is a single blog caption

Padova-Montecchio 2-0: tabellino e sintesi

Calcio Padova C5: Feverati, Iozzino, Paperini, Mazzon R., Meggiorin, Lucca, Rasula, Carraro, Mazzon A., Simonetti, Tchamesse, Scarparo. All. Candeo

Montecchio Futsal Team: Caliaro, Zoppellaro, Rossato, Tecchio, La Malfa, Pegoraro, La Porta, Saccano, Chahid, Ferrari, Bertolaso, Pangallo. All. Caile

Arbitro: Costantino D’Andrea (Mestre)

Arbitro 2: Francesco Labombarda (Este)

Reti: 18’ pt Ferrari aut., 17’ st Mazzon R.

Ammoniti: Bertolaso (M), Tchamesse (P)

Il Padova fatica ma porta a casa altri 3 punti fondamentali per il proseguo del campionato di C/1, ora i biancoscudati sono primi in classifica, seppur per classifica avulsa, e vantano la miglior retroguardia del torneo. Quello con i vicentini del Montecchio è stato un match molto tattico, gli ospiti infatti hanno concesso ben pochi spazi ai ragazzi di Candeo i quali hanno faticato ad incidere nel corso di tutti i 40 minuti. La prima frazione regala qualche sussulto iniziale ma bisogna aspettare il 9’ per vedere una vera occasione da rete: ingenuità difensiva dei giovani ospiti che regalano una punizione indiretta al Padova, il pallone toccato per Riccardo Mazzon viene calciato sul palo alla sinistra di Caliaro e poi termina la sua corsa sul fondo. L’estremo vicentino si rende più tardi protagonista di due interventi sulle conclusioni da fuori area di Paperini e ancora di Riccardo Mazzon, poi si accende il gioiellino Tchamesse che prima inciampa sul più bello quando doveva solo depositare in rete un servizio di Rasula e successivamente si invola sulla sinistra e mette un cross basso il quale viene deviato goffamente da Ferrari nella propria porta. Padova dunque avanti al 18’ e per poco non arriva il raddoppio a 6’’ dal termine del tempo con un’azione splendida partita da Rasula che si destreggia sul lato destro del campo, frenata e passaggio verso il centro per Carraro il quale verticalizza in direzione di Meggiorin quasi sulla linea di fondo, scarico di quest’ultimo ancora per il capitano biancoscudato il cui diagonale rasoterra termina però di poco a lato.

Il secondo tempo si apre con uno spunto ancora di Carraro che trova l’opposizione con il corpo di Caliero, poi al 5’ prodigioso recupero di Meggiorin il quale rimedia ad un proprio errore che aveva permesso a Chahid di involarsi apparentemente indisturbato verso Feverati. Il portiere biancoscudato verrà comunque effettivamente impegnato da Pegoraro al 13’ a causa di un’altra disattenzione dei difensori padovani. La gara si conferma spigolosa, a tratti il pubblico sugli spalti sembra annoiarsi, il Padova è lento nel muovere la palla ed il Montecchio non si scopre più di tanto in attesa di provare il tutto per tutto nelle ultime battute. Al 17’ tuttavia arriva finalmente la giocata vincente dei padroni di casa grazie al cuore di capitano di Carraro il quale salta un avversario sulla sinistra e appoggia a Riccardo Mazzon il più facile dei palloni. Partita in ghiaccio. Al 19’ Feverati devia provvidenzialmente sulla traversa il tiro di Bertolaso che poteva riaccendere la contesa, pochi istanti dopo lo stesso portiere vince ancora il duello personale con il numero 25 del Montecchio. A 30’’ dal termine tiro libero per il Padova ma Iozzino si fa ipnotizzare da Caliero. C’è comunque ancora spazio per un intervento di piede di Feverati a 7’’ dal termine, poi scendono i titoli di coda che proclamano il Padova campione d’inverno in attesa di un girone di ritorno che si preannuncia di fuoco. Appuntamento ora per la Final Eight di Coppa in programma nei primi giorni del 2019 per non lasciare nulla di intentato.

Vota
Condividimi: