Serie C1 e Settore Giovanile: ecco le linee guida per la stagione 2018/19

Si è tenuta ieri sera la riunione di presentazione delle novità proposte dal Comitato Veneto per la futura stagione sportiva. Sostanzialmente confermate tutte le caratteristiche del campionato e della coppa di Serie C1, diverse invece le novità per quanto riguarda il Settore Giovanile.

In attesa degli ultimi verdetti del campo, con l’ultima promozione tramite i play off dalla C2 e il possibile salto in serie B del Sedico, prende forma il prossimo massimo campionato regionale. Il dialogo e lo scambio tra i club e il Comitato Veneto ha portato a confermare la gran parte dell’impianto esistente: 16 formazioni (a meno che non si registrino rinunce dell’ultimo minuto), 20 minuti effettivi di gioco, previsione di turno/i infrasettimanale/i e conferma delle misure minime dei campi di gioco con la tolleranza del 3%. Uniche novità saranno il rifiuto della deroga per giocare il sabato e la possibilità delle società di presentare in distinta e sul campo gli under previsti dal regolamento con una numerazione dal 21 al 99 e non più solo fino al 30. Proprio sul capitolo under si conferma il numero minimo di tre in distinta e uno sempre in campo.

Maggiori novità invece per il settore giovanile che, a partire dalla riforma del campionato Under 19 descritta dal consigliere nazionale Antonio Dario, vedrà alcune modifiche sostanziali. Per prima cosa, Allievi e Giovanissimi vanno ufficialmente in pensione e lasciano spazio ad Under 17, formati dalle annate 2002 e 2003, e Under 15, annate 2004 e 2005. I primi giocheranno il sabato pomeriggio mentre i secondi nella giornata di domenica. Questo per garantire la possibilità di un atleta U17 di poter disputare le partite in Under 19, previste per domenica mattina. La proposta del Comitato Veneto è quella di replicare anche per le due nuove categorie l’impianto del campionato allievi di questa stagione, con un primo girone di qualificazione a campionato Elite o di Promozione. Modifiche profonde anche per quanto riguarda l’U19 che sostituisce definitivamente la categoria Juniores in tutta Italia. Il campionato U19 sarà diviso in “Nazionale” e “Regionale” con un sistema di promozioni e retrocessioni e sarà riservato agli atleti nati nel 2000 e 2001, con la possibilità di schierare nel nazionale massimo 5 fuoriquota del 1999 e, probabilmente, nessuno invece nel campionato regionale.

Questo quanto emerso dalla riunione cui però va comunque atteso il comunicato ufficiale da parte della federazione.    

Condividimi:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial