Weekend a porte chiuse. Le disposizioni della Lnd Veneto

Di seguito le misure che saranno adottate per le gare del weekend di Prima Squadra e Settore Giovanile, le quali verranno disputate a porte chiuse.

1) le disposizioni previste dal DPCM (Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020) riguardano TUTTE le categorie e i campionati, incluso il settore giovanile;

2) le Società che non rispetteranno le disposizioni del Decreto potranno andare incontro a deferimento;

3) per “gare a porte chiuse” si intende “gare senza pubblico”, per le quali vanno rispettate le seguenti procedure previste dalla circolare n. 3 della Lega Nazionale Dilettanti datata 1° luglio 2019:

a) ogni Società può far entrare nella struttura un massimo di 35 tesserati, ivi compresi coloro che figureranno nella distinta di gara;
b) sono ammessi all’interno dello stesso impianto coloro che sono in possesso della tessera CONI o FIGC, nell’adepimento di funzioni specifiche ad essi affidate;
c) devono essere concessi accrediti a giornalisti in possesso di regolare tessera di iscrizione all’Albo o a pubblicisti che abbiano inoltrato formale richiesta scritta su carta intestata firmata dal Legale Rappresentante della testata o dell’emittente radio televisiva presso la quale prestano la propria opera, secondo le norme vigenti; ogni altro accredito sarà negato dagli Ispettori del Comitato, Divisione, Dipartimenti;
d) sono consentiti gli accrediti di operatori radio-televisivi che risultino dipendenti di Emittenti debitamente autorizzate dai Comitati e dalle Divisioni;
e) può accedere all’impianto personale appartenente alle Forze dell’Ordine in possesso di regolare tesserino di Agente/Ufficiale di PS o PG, anche se non in servizio o in divisa;
f) le biglietterie dello stadio in cui si disputano gare a porte chiuse debbono rimanere rigorosamente chiuse e non può essere tassativamente posto in vendita nessun tipo di biglietto;
g) le società oggetto del provvedimento restrittivo, alla pubblicazione dell’atto sul Comunicato Ufficiale, debbono darne tempestiva apposita comunicazione:
1. alle Forze dell’Ordine del Comune ove si disputa la gara;
2. al Sig. Prefetto e al Sig. Questore competenti di zona ove è ubicato l’impianto;
3. all’Ufficio SIAE di zona.

Condividimi:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial